Qui trovi tutti gli articoli

Ricaricare munizioni per pistola: quando e perché conviene farlo

Avvicinarsi alla ricarica di munizioni per pistola comporta sempre molti dubbi e perplessità. Conviene? Si risparmia? E' difficile? Perché si ottengono risultati "migliori"? ... le domande sembrano non finire mai.

In questo articolo parlerò quindi della ricarica di munizioni per armi corte e, nel farlo, darò risposta alle domande più frequenti e importanti che gli appassionati di tiro si pongono in merito alla ricarica delle cartucce domestica.

Vedremo insieme quando ricaricare le nostre cartucce valga davvero la pena e soprattutto quali sono i veri vantaggi che possiamo ottenerne. Iniziamo!

 

 

E’ davvero così difficile ricaricare le proprie cartucce?


Non è sicuramente facile ma neanche impossibile!

Ci vogliono però attenzione e un modus operandi ben definito. Ci sono differenti passaggi da seguire, tutti molto importanti che richiedono dei controlli visivi ben precisi.

Cominciamo dal comprendere quali sono i componenti di una cartuccia per armi corte.

 

Cartucce-Per-Pistola-Componenti

 

Una munizione completa si compone di 4 elementi che sono:

  • Bossolo
  • Palla / Proiettile
  • Polvere da sparo 
  • Innesco

Il bossolo è il ”contenitore” che racchiude gli altri 3 elementi. Intuitivamente, quindi, quando ci accingiamo a ricaricare la prima cosa da fare è controllare i bossoli (se già sparati) per accertarsi che siano integri e non deformati.

Una volta preparati e innescati i nostri bossoli passiamo a pesare la giusta dose di polvere da sparo prevista dalle tabelle di ricarica (qui l’attenzione deve essere sempre ai massimi livelli) e la inseriamo nel bossolo.

Dopo aver inserito la polvere nei bossoli una regola fondamentale è quella di controllare visivamente tutti i bossoli per escludere una doppia dose. Solo dopo aver fatto questa verifica, procediamo con l'inserimento del proiettile fino a raggiungere l’altezza standard della cartuccia completa. L'altezza della munizione finita può variare in base al profilo del proiettile e alla lunghezza che viene predeterminata e accettata dai caricatori. 

 

 

Come hai visto non è così difficile!

Tuttavia per compiere i passaggi che ho appena descritto serve l'attrezzatura dedicata e soprattutto l'esperienza necessaria per capire cosa si sta facendo e soprattutto il perché.

Agli inizi della tua avventura con la ricarica potrebbe non essere semplice ma è importante non complicarsi la vita da soli: segui sempre le istruzioni e soprattutto le tabelle di ricarica dei produttori di polveri e di chi produce attrezzature per la ricarica.

Solo così sarai certo che le tue cartucce ricaricate saranno sicure!

 

 

Si risparmia davvero ricaricando le cartucce?


Perché si ricarica? Molto spesso la risposta a questa domanda è molto semplice: si risparmia!

Ricaricare le tue cartucce ti permetterà di risparmiare e non poco, un fattore da tenere in considerazione se desideri fare sedute di allenamento frequenti o semplicemente se ti piace sparare al poligono con la tua pistola.

Facendo un esempio concreto, andando una sola volta al mese al poligono possiamo benissimo sparare circa 200 cartucce. Considerando che il costo medio di una confezione da 50 cartucce è di circa 13/16 euro significa che il nostro pomeriggio al poligono, solo considerando le cartucce ci costerà circa 60 €. 

Mentre se le ricarichiamo a casa potremmo pagare anche meno della metà!

Vediamo come, sempre facendo una stima dei prezzi delle polveri e dei componenti. Iniziamo partendo dalla polvere che in media ci costerà 50 Euro e con dei dosaggi normali, seguendo le tabelle di ricarica, dovremmo riuscire a preparare circa 3.500 cartucce. Quindi il costo unitario di una dose di polvere si aggirerà intorno ai 0,013 Euro.

Passiamo ai proiettili. 3.500 palle "ramate" con un peso standard di 124 grani ci costeranno circa 250 Euro (se evitiamo di prendere marche blasonate) con un costo unitario di circa 0,071 Euro.

Aggiungiamo gli inneschi che ci costeranno circa 105 Euro per 3.500 pezzi con un costo unitario di 0,030 Euro.

Infine, considerando i bossoli, le nostre possibilità sono molteplici. Possiamo acquistarne di primo sparo (ovvero usati solo una volta) e ci costeranno circa 175 Euro per 3.500 cartucce con un costo unitario di circa 0,050 Euro. A volte può capitare di riuscire ad ottenerli gratis presso un TSN riducendo sensibilmente il costo della cartuccia finita.  

Riassumendo e facendo i conti avremo questo risultato:

Costo-Ricaricare-Cartucce

 

Come possiamo vedere dalla tabella il costo di una cartuccia completa è di circa 16,4 centesimi che moltiplicati per i 200 colpi della nostra sessione di allenamento ci portano ad un totale di circa 32 Euro; più o meno la metà di quanto ci costerebbero 200 "colpi originali".

Tornando ai bossoli teniamo sempre in considerazione che potremmo riutilizzarli per diverse volte (anche 10-15) quindi la spesa di questo componente sarebbe solo iniziale o quanto meno ammortizzabile per più tempo.

Ecco perché ricaricare le cartucce per pistola conviene!

Per tenere traccia di tutte le spese che andrai a fare e soprattutto avere un controllo su quanto ti costa realizzare le tue cartucce, anche a seconda della reperibilità e del costo dei diversi componenti, ti consiglio di annotarti su un quadernino, o se sei più tecnologico utilizzando un foglio Excel, i costi unitari dei singoli componenti e le conversioni dei pesi per avere tutto sotto controllo e sapere esattamente quanto stai risparmiando.

 

 

Le cartucce ricaricate sono davvero migliori delle commerciali?


Dire che le cartucce ricaricate siano migliori di quelle commerciali è un azzardo. Sicuramente sono diverse.

Le cartucce commerciali sono concepite per garantire il perfetto funzionamento su tutte le armi camerate in un dato calibro garantendo un'uniformità dei risultati a spese di un livello di customizzazione per singola arma o esigenze dei diversi tiratori.

Inoltre il caricamento automatico di cartucce prevede sempre delle tolleranze statistiche che rendono difficile trovare una cartuccia perfettamente uguale all'altra.

Al contrario chi ricarica pesa la dose una per una (o al massimo con un dosatore micrometrico che garantisce la precisione della dose), innesca manualmente e controlla che gli inneschi siano correttamente inseriti nella propria sede, controlla i proiettili accertandosi che siano omogenei e dello stesso peso. Per concludere, poi, confezionando la propria munizione e provandola in un tampone apposito per controllare che sia giusto.

Quindi se le operazioni di ricarica sono svolte in modo corretto si possono raggiungere livelli di precisione e accuratezza pari se non migliori delle commerciali.

Tuttavia il vero motivo che può rendere migliori le cartucce ricaricate è dovuto al fatto che essendo noi a ricaricare possiamo decidere, in base ai nostri obbiettivi, quali caratteristiche devono avere le nostre munizioni.

 

Ricarica-Munizioni-Revolver

 

Se parliamo di Tiro A Segno è fondamentale che le cartucce siano assolutamente precise e costanti garantendo le stesse prestazioni e sensazioni al tiratore in ogni singolo colpo.

Mentre nel Tiro Dinamico Sportivo,  I.D.P.A. o Action Shooting in generale, le cartucce, oltre a rispondere alle diverse esigenze dei tiratori, devono rispettare dei parametri regolamentari identificabili nel Power Factor che può essere diverso tra una disciplina e l’altra e, sicuramente, è inferiore a quello delle cartucce originali. La ricarica in questi casi diventa spesso obbligatoria.

Infine, se spariamo per il puro gusto di farlo, avremo comunque la possibilità di preparare le cartucce più adatte per la nostra arma. Ottimizzare la cartuccia in relazione alla pistola che ci piace di più usare è una pratica divertente e molto appagante.

Potremo scegliere il peso del proiettile, la sua forma, il tipo di polvere adatta e anche gli inneschi che ci garantiscono una perfetta accensione della polvere. 

 

 

Per quali discipline o utilizzi è davvero utile la ricarica delle cartucce per pistola?


Le cartucce ricaricate possono essere utilizzate in tutte le situazioni che richiedono molte sessioni di allenamento e un gran numero di colpi da sparare per tenere alto il nostro livello agonistico. Naturalmente, come abbiamo visto se ricarichiamo, spenderemo meno e semplicemente potremmo allenarci di più!

Nelle discipline Action (T.D.S., I.D.P.A.. e simili) è necessario avere una munizione che, oltre a soddisfare i requisiti regolamentari del Power Factor, sia in grado di abbattere con sicurezza i bersagli reattivi in ferro (Pepper Popper, piastre e piatti) e che, per velocizzare l'azione di tiro, abbia anche un rinculo controllabile.

 

Sparare-Con-Pistola 

Chiaramente trovare il giusto mix tra questi elementi rende il più delle volte indispensabile la ricarica.

Infatti una volta trovata la cartuccia giusta possiamo dedicarci all’allenamento per poi andare in gara sicuri delle prestazioni della munizione preparata.

La ricarica domestica ci permette, inoltre, di preparare delle munizioni ormai desuete, fuori commercio o di difficile reperibilità (oltre che dai costi esorbitanti).

Eh si, se abbiamo la fortuna di possedere un’arma le cui cartucce non si trovano più in commercio o costano un occhio della testa come facciamo?

Non la usiamo più o proviamo, sempre con attenzione e sicurezza, a ricaricarle da noi. La ricarica ci permette di preparare le cartucce giuste per la nostra vecchia arma e portarla a sparare.  

 

 

La ricarica può essere divertente e appassionante?


Molti tiratori iniziano a ricaricare non per il risparmio o perché sono degli agonisti, ma semplicemente perché trovano divertente la ricarica. Ti sembra strano?

La ricarica delle cartucce può diventare un importante completamento della nostra passione per il tiro (amatoriale o sportivo; poco cambia). Ci permette di imparare importanti nozioni di balistica e poi provarle sul campo, proprio su noi stessi. 

Diventeremo quasi degli alchimisti; studieremo le polveri, analizzeremo le tabelle di ricarica, sceglieremo il dosaggio ideale, controlleremo i bossoli, rigenerandoli se necessario e innescandoli, fino al controllo finale dei proiettili. 

Una soddisfazione che emerge quando, dopo il divertimento nel mettere insieme i pezzi e la minuziosa dedizione nel controllarli arriva, finalmente, il momento di usare le nostre cartucce.

Quando vedremo i buchi nel bersaglio, stretti e compatti nel punto giusto, sarà inevitabile sfoggiare un sorriso a 32 denti non dovuto solo al fatto di aver fatto centro, ma al fatto che abbiamo fatto realmente tutto da soli.

Fermo restando che l’arma funzioni a dovere e il tiratore faccia la sua parte, perché la ricarica non fa mai miracoli!

 

 

Quale attrezzatura serve per ricaricare le cartucce e quanto costa?


A questo punto non ci rimane che passare all'azione e valutare quali sono gli strumenti che ci servono per iniziare a ricaricare le nostre cartucce per pistola. Iniziamo con un kit base che ti permetterà di avvicinarti facilmente alla pratica della ricarica domestica. Ecco quello che ti servirà:

  • Pressa: Si tratta di un sistema a leva manuale che serve per alzare e abbassare un pistone sul quale, in cima, è posizionato un reggi bossolo (Shell Holder nelle presse a stazione singola) oppure uno Shell Plate a più postazioni nelle presse progressive. I prezzi si aggirano dai 50 ai 1.000 Euro. Dipende dal tipo di pressa e dagli accessori.

    Pressa-Ricarica-Cartucce-Pistola

  • Dies: Sono matrici in acciaio per le operazioni di ricondizionamento dei bossoli. I dies necessari per ricaricare sono due nei bossoli con profilo a bottiglia e tre nei bossoli con profilo cilindrico. Normalmente il primo Die ricalibra e toglie l’innesco, il secondo espande il colletto calibrandolo internamente, il terzo inserisce la palla e crea se necessario un crimpaggio sulla bocca del bossolo. Il costo dei Dies si aggira dai 45 ai 300 Euro. Il prezzo dipende dal livello qualitativo e dalla marca. Esistono Dies aggiuntivi specifici per compiere operazioni come la ricalibratura del solo colletto (Neck Sizer Die), l'espansione e la svasatura conica della bocca del bossolo necessaria per l'uso di palle in piombo (Expander Die). Esistono poi crimpatori specifici in grado di effettuare un crimpaggio del tutto simile a quello di fabbrica (Factory Crimp Die). Infine esistono Dies singoli che formano il bossolo e ne consentono il controllo della lunghezza alla quota precisa per esso stabilita (Forming & Trim Die).

    Dies-Ricarica-Cartucce-45-ACP

  • Bilancina di precisione: strumento essenziale per la ricarica delle munizioni. Serve ovviamente a misurare la polvere ma è anche utile per controllare il peso dei proiettili. Giusto per essere sicuri di quello che mettiamo sulle nostre cartucce. I prezzi oscillano da 40 / 350 Euro. Attenzione che sia una buona bilancia, se optate per quella elettronica accertatevi che sia precisa e che abbia il peso di taratura.

    Bilancia-Per-Ricaricare-Cartucce

  • Martello cinetico: utilissimo sia per i novizi che per gli esperti, strumento che permette di “disassemblare” cartucce finite, in assoluta sicurezza. Può sempre capitare che dimentichiamo se in una cartuccia abbiamo messo la polvere o meno. Nel dubbio sempre  meglio disassemblare che rischiare di rimanere con un proiettile in canna. Il costo, per questo attrezzo, è irrisorio rispetto al lavoro e ai problemi che ci può fare risparmiare. Infatti con circa 20 Euro abbiamo un strumento che ci permette di verificare subito tutte le munizioni “dubbiose". 

    Martello-Cinetico-Ricaricare-Cartucce

 

 

Come ricaricare le cartucce in completa sicurezza?


Per ricaricare le nostre munizioni in assoluta sicurezza cominciamo da una buona attrezzatura.

Meglio comprare una pressa monostazione, più semplice da utilizzare ed in grado di farci comprendere operazione dopo operazione come proceda il ricondizionamento del bossolo ed infine il suo caricamento.

La bilancina è un punto di primaria importanza sul quale non si deve assolutamente lesinare; tradizionale a braccio oscillante oppure elettronica non farà differenza. Necessario che sia uno strumento di assoluta affidabilità e quindi di qualità garantita.

E’ altrettanto importante il posto dove ricarichiamo, che sia una stanza tutta nostra che sia un angolo della casa l’importante e non farsi distrarre durante la fase della ricarica. La distrazione può provocare danni irreparabili. Fai in modo che la tua postazione da ricarica sia ordinata, comoda e accessibile solo a te. Fondamentale conservare la polvere da sparo in un luogo sicuro e asciutto.

 

Postazione-Per-Ricaricare-Cartucce-1

 

Stabilisci le cose da fare in base al tempo che hai a disposizione, non fare mai cose in fretta e evita assolutamente di lasciare delle cartucce incomplete. Se hai già messo della polvere nei bossoli completa le munizioni prima di lasciare la tua postazione di ricarica. 

Per concludere prima di lanciarti alla carica acquistando componenti e attrezzatura prova ad affidarti a qualcuno che conosci e di provata esperienza che possa insegnarti almeno le basi della ricarica, diverse armerie organizzano anche dei corsi. Se non conosci nessuno in grado di farlo, iniziare da un buon manuale è sempre la cosa migliore da fare.

 

 

6 Fattori Da Considerare Per Scegliere Pistola

Photos Credits:

www.dimararmi.it

Giovanni Johndog

Ispettore Capo della Polizia di Stato in congedo, Cacciatore e Tiratore. Istruttore di Tiro e di Tecniche Operative nei Servizi di Polizia, Specialista Armaiolo per la Polizia di Stato. Da oltre 30 anni Tiratore agonista nel Tiro Dinamico Sportivo e in altre discipline di Tiro. Ha iniziato a ricaricare le cartucce per pistola negli anni ’80, dopo aver cominciato a gareggiare ed essersi anche avvicinato al tiro di precisione con armi lunghe. Attualmente Tecnico Federale di II° livello della Federazione Italiana Tiro Dinamico Sportivo e Perito Balistico iscritto all’albo del Tribunale di Brescia. Dopo aver collaborato con diverse riviste del settore vorrebbe scrivere un manuale dedicato al Tiro.

Altri articoli di Giovanni Johndog
Condividi questo articolo:

Scrivi un commento

 
Gruppo Baschieri Pellagri Italia
Baschieri & Pellagri - Italia
Gruppo Facebook Ufficiale · 3005 membri
Unisciti al gruppo
Iscriviti al gruppo e condividi la tua passione con oltre 3.000 cacciatori e tiratori italiani!
 

Articoli recenti

Vedi tutti

Iscriviti alla newsletter