Qui trovi tutti gli articoli

La corretta alimentazione dei cani da caccia

Il cane da caccia è per antonomasia un “cane sportivo”, un vero e proprio atleta del mondo animale: ai nostri ausiliari, infatti, sono spesso richieste intense e notevoli prestazioni fisiche.

Prestazioni che vengono espresse e mantenute nel tempo, in ogni battuta di caccia, grazie ad un'alimentazione dedicata e attenta, corretta sotto il punto di vista della sua composizione e quindi di qualità ottima sia se a base di alimenti casalinghi che facendo affidamento alla grande industria del “pet food”.

 

 

Meglio preparare il cibo a casa o affidarsi agli alimenti per cani industriali?

 

L’alimentazione casalinga del proprio ausiliare non è sempre così semplice da preparare, serve spesso l’aiuto di un bravo veterinario per stabilire razioni e bilanciamenti di proteine, vitamine grassi e altri elementi nutrizionali.

Più semplice (e conveniente) affidarsi agli alimenti per cani da caccia “industriali” di qualità. Sono infatti spesso studiati e prodotti da aziende rinomate che si affidano alla collaborazione di team di veterinari e specialisti.

Se poi scegliamo quelli classificati come premium e superpremium non si sbaglia mai: avremo sempre un cibo qualitativamente sano per il nostro ausiliare.

Al contrario, i mangimi per cani “appetibili” dal punto di vista economico hanno scarsi valori proteici e conseguentemente energetici. Le materie prime di qualità sono scarsissime, i coloranti e gli additivi presenti potrebbero portare, a lungo andare, a problemi per la salute del cane ed è una cosa che ripeto sempre anche nel mio lavoro, poiché gestisco un negozio di animali.

 

cane-da-caccia-mangia

 

Una corretta alimentazione sia di un cane da compagnia, quanto e soprattutto di un cane da caccia come nel nostro caso, ma anche di obbedience o agility per esempio, è un giusto investimento sulla sua salute, sulle sue prestazioni a caccia, anche per il nostro portafogli.

Se la salute del nostro ausiliare venisse meno a causa della scorretta alimentazione, saremmo costretti a spendere ancora più soldi per necessità diverse dal sano mantenimento.

Non dimentichiamo mai che alimentazioni non consone non solo debilitano fisicamente il cane, ma possono portare ad una cattiva digestione o intolleranze alimentari più o meno gravi. Possono anche compromettere la funzionalità di organi importanti nella digestione, come ad esempio il fegato.

 

 

Quali sono i migliori alimenti e cibi per i cani da caccia

 

Il miglior alimento per i cani da caccia resta la carne a conferma della loro originaria vocazione carnivora.

Tuttavia nel corso dei secoli l’uomo ha reso il suo migliore amico e compagno onnivoro, spesso con un sovrautilizzo di cereali - pensiamo all’alimentazione dei cani da compagnia con crocchette economiche!

Tuttavia questo tipo di alimentazione a lungo andare può danneggiare la normale digestione del cane perché questi alimenti se non utilizzati o “bruciati” vengono trasformati in grassi.

Un’importante e sana fonte di proteine animali per i nostri cani da caccia è il pesce, che però contiene meno grassi ed è quindi meno energico. Dall’altra parte contiene diversi oli essenziali come gli acidi grassi insaturi omega 3.

 

labrador-mangia-pesce

 

Altre fonti di proteine, grassi, vitamine e minerali nobili sono rappresentata sia dalle uova che dal latte anche se il secondo non è sempre assimilabile e può portare a disturbi intestinali perché al cane manca l’enzima che digerisce il lattosio.

Non devono mancare nella dieta del cane le verdure, che anche se poco appetitose aiutano a regolarizzare la sua attività intestinale. In questo caso ricordiamo che conseguentemente alla loro cottura prolungata perdono molte delle loro vitamine.

Le giuste quantità di cereali invece apportano zuccheri e omega 6. Grassi di origine vegetale contenuti nell’olio di semi o di oliva devono essere apportati nell’alimentazione perché il cane non riesce a sintetizzarli da solo.

 

 

Le proteine: la materia prima più importante per l'organismo del cane da caccia!

 

Consideriamo che nella normale alimentazione giornaliera è sufficiente un buon 20% di proteine animali, mentre durante l’attività fisica, nei cuccioli e nelle femmine in allattamento, viene richiesto un maggiore apporto proteico e quindi un’alimentazione dedicata.

Il nostro cane subisce infatti delle modificazioni fisiologiche rapportate all’aumento del volume ematico durante l’attività fisica, dell’attività e dei quantitativi di enzimi metabolici.

Le proteine animali servono anche a ricostruire tessuti muscolari che possono essere persi attraverso microtraumi avvenuti durante l’attività fisica o a caccia.

In questi casi le proteine necessarie sono nell’ordine del 30 / 32% e devono essere di elevata qualità biologica, quindi animale.

Il mais è un buon costituente di proteine grezze, ma sono comunque vegetali quindi di scarso valore biologico. Per questo il mais viene spesso utilizzato per i croccantini più economici!

I grassi rappresentano un’importante fonte di energia, oltre a ricoprire un ruolo decisivo nell’apporto di acidi grassi essenziali e nell’appetibilità dell’alimento stesso.

 

cane-mangia-carne

 

Nella mangimistica viene utilizzato di norma grasso di pollo caratterizzato da un tenore in acidi grassi polinsaturi superiore rispetto a quello di bovino o suino. Inoltre risulta particolarmente gradevole per gli animali.

Le fibre vegetali svolgono un ruolo importante nella regolazione del transito intestinale, influenzando l’assorbimento di numerosi principi nutritivi: di maggiore utilizzo è la polpa di barbabietola, la quale favorisce la regolare motilità intestinale contribuendo quindi a mantenere l’intestino in buona salute.

 

 

Carboidrati e vitamine

 

Oltre ad essere un’importante fonte di energia rapidamente disponibile, regolano anche l’attività microbica della flora intestinale. Quelli più altamente digeribili provengono dal riso, il frumento, l’orzo le patate e l’avena ad esempio.

Vitamine e minerali non vengono sintetizzati quindi è necessario somministrarle nelle giuste quantità. Sono indispensabili per una corretta alimentazione poiché promotori delle più importanti reazioni biochimiche dell’organismo.

Eventuali carenze vitaminiche possono manifestarsi con una sintomatologia evidente ma anche in maniera latente. È pertanto indispensabile garantire l’assunzione quotidiana delle giuste quantità di vitamine per consentire il corretto svolgimento di tutte le funzioni dell’organismo.

Omega-3 ed omega-6 combinati insieme in diverse percentuali servono intanto a ridurre i fenomeni infiammatori dannosi all’organismo del nostro cane.

Nei negozi per animali possiamo trovare una vasta gamma di alimenti, ognuna pensata e sviluppata in funzione dell’età del cane dalla nascita, allo sviluppo, al mantenimento fino all’età avanzata e in base alle esigenze, se da compagnia o “sportivo”. Esistono anche alimenti specifici per problematiche digestive o di altra natura.

 

crocchette-cane

 

Le tipologie di composizioni degli alimenti per cani da caccia possono essere davvero diverse e variegate. L’alimento più comune che compone i croccantini è il pollo, ma possiamo trovare anche agnello, pesce, cervo, maiale, manzo, patate, tacchino, utilizzati da soli o combinati insieme.

 

 

Perché serve variare l'alimentazione del cane da caccia durante la stagione

 

Molto importante è la differenziazione della dieta del cane in base alla stagione.

Durante la primavera o in estate può essere sufficiente un normale mangime per cani standard, ovvero studiato per il normale mantenimento di cani da compagnia o cani da caccia fuori dal periodo venatorio.

Molto utilizzati in questi casi prodotti a base di pesce o agnello, tendenzialmente più leggeri e meno grassi, sono quindi più facilmente digeribili durante le stagioni più calde.

Durante l’inverno o in periodi di intensa attività fisica del cane dovremo però cambiare la loro dieta. Il cane avrà infatti bisogno di un maggiore apporto proteico e di grassi.

Spesso i nostri ausiliari, salvo temperature davvero proibitive, passeranno fuori gran parte dell’inverno e anche se saranno a casa risentiranno comunque del generale abbassamento delle temperature.

Una dieta più calorica li aiuterà a ridurre la dispersione del calore e rappresenterà una valida fonte energetica per sopportare temperature più rigide e difendersi dal freddo.

 

cane-caccia-fagiano

 

Infine durante la stagione venatoria i nostri ausiliari saranno sicuramente molto più attivi e quindi avranno bisogno di una maggiore scorta di energia.

Molto indicata per questa stagione e periodi di intensa attività fisica la carne di pollo.

Nei mangimi per cani ci sarà anche un conseguente aumento del quantitativo di grasso nella loro composizione. Ad esempio un apporto superiore della componente proteica e grassa e conseguentemente anche un aumento delle percentuali di oli essenziali, vitamine e minerali.

Questa tipologia di alimenti per cani viene denominata “ad alta energia”.

Sono mangimi per cani in attività sportiva che rispetto ad un mangime base di mantenimento si differenziano proprio per un apporto maggiore dei costituenti per un conseguente aumento del carico proteico, grasso e vitaminico/minerale.

Questo mangime, grazie all’aumento del quantitativo di grasso nella composizione delle crocchette, fornisce una buona densità energetica nella razione giornaliera, rende l’alimento più appetibile e permette di non esagerare con i quantitativi di cibo.

 

Scarica la guida ai migliori mangimi per cani da caccia

 

Il cane sfrutta il metabolismo aerobico per il proprio lavoro muscolare, quindi i grassi sono la fonte energetica più utile e sfruttabile per un’attività fisica costante e prolungata.

Il vantaggio nell'utilizzare cibi per cani ad alta energia va ricercato nel fornire al nostro ausiliare il giusto fabbisogno di energia senza un aumento quantitativo delle razioni giornaliere o facendo uso di integratori alimentari.

Infatti aumentare le razioni di cibi per cani a bassa energia o ricorrendo troppo ad integratori alimentari si rischia di causare sovradossaggi di proteine e grassi che il cane potrebbe faticare a smaltire nei giorni in cui è a riposo. Nel lungo periodo questo può causare affaticamento al fegato o ai reni, facendo anche ingrassare il nostro cane.

I cibi per cani ad alta energia aiutano anche il cane a regolarizzare la temperatura corporea evitando un consumo eccessivo dei grassi presenti nell’organismo.

Il cane manterrà un peso/forma ideale e si troverà nelle condizioni fisiche ideali per il prolungato lavoro muscolare che gli viene richiesto durante l’attività venatoria.

Infatti si è visto come viene mantenuta costante la termoregolazione durante l’attività fisica e permettere di non alzare la temperatura basale del nostro cane.

Si ritiene anche che il tipo di grasso abbia una certa importanza sulle prestazioni venatorie, modificando ad esempio le funzioni olfattive, che migliorano aumentando i quantitativi di acidi grassi insaturi.

 Non bisogna però mai sovraccaricarne i valori per non arrivare a percentuali deleterie per le normali funzioni fisiologiche.

 

 

La dieta BARF per cani: cos'è, come si pratica e consigli per l'uso

 

La dieta BARF è un acronimo per indicare i termini Biologically Appropriate Raw Food ossia tradotto letteralmente “cibo crudo biologicamente appropriato”. 

La dieta BARF è totalmente differente dalla dieta casalinga che vede spesso il cane come un onnivoro, infatti questa dieta è basata sul far mangiare al cane solo carne, così come il lupo allo stato brado, ottenendo un'alimentazione altamente proteica.

Non prevede l'aggiunta di conservanti, cereali o grano, alimenti di cui il cane non ha bisogno.

Far seguire al nostro cane la dieta BARF non è semplice perché richiede tempo, sforzo e impegno per cercare le informazioni necessarie per decidere in maniera assennata se sia il caso di adottarla o meno per non creare disturbi o carenze nel cane.

 

cane-mangia-osso

 

Generalmente un'alimentazione in stile BARF è composta al 60% da ossa con carne e muscolo, al 25% solo di carne e al 15% da frutta, verdura, uova o interiora. Il tutto crudo, senza cottura.

Alcuni sostengono che aiuti a creare un sistema immunitario forte e sano.

I sostenitori della dieta assicurano che apporti diversi benefici e influisca in modo positivo sull'animale comportando:

  • Una diminuzione di allergie e altre malattie
  • Maggiore energia
  • Alito fresco e denti puliti
  • Diminuzione del grasso corporeo
  • Miglioramento della muscolatura
  • Pelo più lucido e sano

Inoltre, il fatto che gli alimenti siano prevalentemente a base di carne la renderà molto appetibile per il cane, soprattutto variando gli alimenti, che devono essere sempre freschi.

Tuttavia prima di scegliere questo particolare regime di alimentazione, bisogna consultare sempre un veterinario. Infatti possono sorgere diversi problemi se non si conoscono bene le necessità e le caratteristiche del proprio cane.

Ad esempio possono insorgere carenze dal punto di vista nutritivo se non si sa come bilanciare gli alimenti e come variarli in maniera adeguata, infezioni batteriche nell'apparato digerente del cane se gli alimenti non sono freschi o di qualità, rottura dei denti o problemi nell'apparato digerente.

 

 

Gli alimenti per cani Low Grain o Grain Free 

 

Una valida alternativa e sicuramente meno estrema rispetto alla dieta BARF è rappresentata dagli alimenti per cani Low Grain o Grain Free, quindi con basse quantità o privi del tutto di cereali.

 

denti-cane

 

Al loro posto troviamo integrazioni di frutta, verdure e vitamine che rendono questi alimenti molto simili a quelli proposti dalla dieta BARF.

Sono migliori dal punto di vista igienico-sanitario dato che sono cibi che vengono cotti e la loro granulosità aiutano a tenere pulita la dentatura del cane, evitando la formazione del tartaro.

 

 

Quando e come far mangiare il nostro cane da caccia

 

Molto importante è anche considerare il numero dei pasti da somministrare e quando.

 Innanzitutto sono da evitare i pasti prima dell’attività fisica per non pregiudicare il corretto processo digestivo e portare a defecazioni frequenti e a casi di diarrea.

Infatti durante intensa attività fisica del cane si hanno anche modificazioni alle funzioni intestinali, tipo il rallentamento o la totale interruzione della motilità intestinale o la diminuzione di secrezione di acido gastrico. Infatti pratica comune è alimentare i cani dopo l’attività fisica.

Altri problemi relativi alla digestione possono insorgere anche aumentando repentinamente le quantità giornaliere di alimento o un cambiamento nella dieta, per questo è bene iniziare gradualmente già prima dell’inizio della stagione venatoria.

È comunque da evitare la sovralimentazione perché può portare all’obesità e ridurre le prestazioni, soprattutto in cani che lavorano per brevi periodi oppure se i giorni di riposo sono ben lunghi.

 

cane-da-caccia-dorme

 

Da diversi studi condotti si è evidenziato anche come una corretta alimentazione, con i giusti apporti di tutti gli elementi visti nelle giuste quantità e percentuali, non serva solo al mantenimento di una perfetta forma fisica, ma riduce anche l’affaticamento fisico durante l’attività fisica. Questo comporta un conseguente aumento delle prestazioni a caccia, che in parole povere sta a significare che un bravo cane da caccia se alimentato correttamente ci permetterà maggiori incontri rispetto un altro cane con un’alimentazione meno curata.

 

 

La differenza tra cibo economico e cibo di qualità

 

Per capire la reale differenza tra alimenti per caccia economici e superpremium non esiste modo migliore di fare degli esempi pratici. Solo così potremo renderci conto di quali saranno le potenziali conseguenze sul nostro cane da caccia.

I due esempi che vedrai sono reali ed attinenti a due prodotti realmente esistenti.

 

crocchette-economiche-cane

 

Solo a leggere velocemente la composizione dei due alimenti ci rendiamo conto di cosa sto parlando. Tra i due, il secondo è sicuramente quello più salutare considerando gli ingredienti e le loro percentuali. 

 

ew

 

Proviamo a fare un altro test!  

Stiamo parlando di una crocchetta per un cane adulto con normale attività fisica.

Ecco la lista degli ingredienti:

  • Mais macinato
  • Lardelli (manzo min. 14%)
  • Farina di pollo e tacchino
  • Grassi di origine animale
  • Idrolizzato di proteine
  • Olio vegetali
  • Citrato di potassio
  • Semi di lino
  • Carbonato di calcio
  • Cloruro di sodio
  • Cloridrato di L-lisina
  • Cloruro di potassio
  • DL-metionina
  • L-triptofano
  • L-treonina

Secondo voi è un alimento superpremium oppure un alimento economico?

Se hai risposto economico la risposta è sbagliata! Purtroppo a volte può capitare che alimenti marchiati come premium o superpremium non brillino per la qualità delle materie prime utilizzate.

I primi ingredienti sono infatti mais, cubetti di grasso, di cui un 14% sappiamo di manzo e delle farine di pollo e tacchino.

Vi ho riportato questo esempio perché a volte il marchio non basta a confermare la qualità degli alimenti per cani, impariamo a scegliere i croccantini e i cibi per i nostri ausiliari in base alla loro composizione piuttosto che dal loro brand.

 

cocker-mangia-crocchette

 

Consiglio caldamente anche di evitare aziende produttrici che non appartengono alla categoria “cruelty-free”.

Si tratta di aziende che testano i loro alimenti sugli animali con test volti a studiare gli effetti delle crocchette su cani e gatti spesso con malattie indotte in laboratorio.

Detto questo, il consiglio che mi sento di darvi è di scegliere per il vostro cane sempre un’alimentazione sana, senza badare troppo al risparmio, per due motivi:

  • Il primo è che vi permetterà di selezionare sempre alimenti di qualità e cruelty free, per poi scegliere tra i diversi marchi super premium quelli con le combinazioni di alimenti e sostanze nutritive migliori.

  • Il secondo è che nonostante il costo vi sembrerà più elevato rispetto ad altre alternative, considerate sempre che croccantini e mangimi di qualità vi permetteranno un dosaggio minore (almeno il 20% / 30% in meno rispetto a crocchette economiche) ed avrete un ausiliare sempre sano, prestante e pronto per ogni nuova giornata di caccia.

Per il nostro ausiliare il risparmio è l’ultima cosa a cui dobbiamo pensare!

 

Scarica la guida ai migliori mangimi per cani da caccia 

Vito Genovese

Cacciatore e cinofilo, allevatore amatoriale del Pointer Inglese e Paramedico Veterinario, vive la Caccia in tutte le sue sfumature anche da instancabile lettore di riviste e libri specialistici, l''importante è conoscere e aggiornarsi. Da appassionato ricaricatore, la fanno da padrone test e prove sul campo, carica gran parte delle sue cartucce e da il suo contributo anche su alcuni forum e pagine in cui si parla di caccia e ricarica.

Altri articoli di Vito Genovese
Condividi questo articolo:

Scrivi un commento

 
Gruppo Baschieri Pellagri Italia
Baschieri & Pellagri - Italia
Gruppo Facebook Ufficiale · 3005 membri
Unisciti al gruppo
Iscriviti al gruppo e condividi la tua passione con oltre 3.000 cacciatori e tiratori italiani!
 

Articoli recenti

Vedi tutti

Iscriviti alla newsletter